MUSEO ETNOGRAFICO

MUSEO ETNOGRAFICO

Il Museo Etnografico di Palau custodisce gli oggetti della tradizione agro-pastorale legata all’antico “stazzo” gallurese. Gli oggetti esposti in due ampi saloni, per una migliore fruibilità, sono stati suddivisi in sezioni tematiche: ambiente domestico, viticoltura, agricoltura, allevamento, mezzi di trasporto, mestieri.

Nel primo salone troviamo gli oggetti relativi all’ambiente domestico: alcuni elementi di arredo quali scaffali, credenze, panche, tavoli e sedie; vari utensili di cucina tra i quali quelli utilizzati per la panificazione e la caseificazione. Da segnalare, in particolare, la rucca di la sposa, una conocchia di legno intarsiata che veniva utilizzata per la tradizionale corsa alla rocca durante i matrimoni, alcune antiche scodelle in terracotta, la tasca sottogonna nella quale le donne riponevano piccoli oggetti, due talismani di stoffa e un porta tabacco in osso.

Nel secondo salone più ampio si trovano in successione, uno spazio dedicato alla viticoltura con botti e barili di diverse dimensioni e, accanto alla più recente pigiatrice a rullo, il calpestatoio di legno e due torchi. Per la sezione agricoltura si possono segnalare accanto a tradizionali strumenti e più recenti macchine agricole, due aratri di legno.

Nel settore allevamento: campanacci, marchi a fuoco, pastoie e la treggia, rudimentale slitta per il trasporto dei sassi. Nella sezione dedicata ai mezzi di trasporto spicca accanto al carro a buoi, il tombarello, per il trasporto di sabbia, ghiaia e sassi.Particolarmente interessanti le selle di cuoio e quella in stoffa imbottita, utilizzata dalle donne. Infine sono presenti alcuni strumenti di lavoro di tre mestieri collegati con il mondo agro-pastorale tradizionale: fabbro, falegname e calzolaio.